News

28 giugno 2017

Individuata la dose ideale di Cioccolato Fondente

E’ stata recentemente pubblicata un’indagine che quantifica scientificamente la dose di cioccolato fondente da assumere per goderne appieno dei benefici.

Lo studio, che ha coinvolto più di 4mila persone, è stato svolto dall’Osservatorio OGP (attivo da diversi anni nell’analisi delle abitudini alimentari) e ha analizzato il consumo giornaliero di cioccolato, sia nella forma classica che nei dolci al cucchiaio o nelle barrette. 
Il risultato più importante che emerge dalla ricerca è la relazione tra il consumo settimanale di cioccolato fondente al 70% e i benefici cardiovascolari: un consuno moderato quantificabile in 60 grammi alla settimana (poco più della metà di una tavoletta classica) si associa ad un significativa riduzione dell’ipertensione e dei disturbi cardiovascolari.

Gli effetti benefici derivano dai polifenoli, antiossidanti naturali contenuti nel cacao. Miscelando il cacao con il burro di cacao si ottiene il cioccolato extrafondente, il più ricco di polifenoli perché può contenere una quantità di cacao anche superiore al 70%. Chi vuole assumere molti polifenoli dal cioccolato dovrà quindi preferire il fondente al cioccolato al latte. Una tendenza questa che già si sta verificando come abbiamo avuto modo di osservare in un post precedente.

Le malattie cardiovascolari rappresentano in Italia la principale causa di morte (44% di tutti i decessi). L’attività di prevenzione passa per l’adozione di uno stile di vita che preveda un’attività fisica costante e un’alimentazione equilibrata, all’interno della quale il consumo di 20 g di cioccolato fondente al 70% per tre volte a settimana può rappresentare un ulteriore, valido, tassello.



Tag:, , , , ,